Grazie ad una grande Campagna internazionale coordinata dalla Coalizione Europea contro la Vivisezione, abbiamo ottenuto una Direttiva Europea che prevedeva il divieto di vendita di cosmetici sperimentati su animali a partire dal 1998. Il termine di attivazione è stato più volte posticipato, ma il divieto ai test cosmetici su animali stabilito dalla Direttiva UE è entrato finalmente in vigore l’11 marzo 2013. Nonostante ciò, esiste ancora la possibilità di effettuare sperimentazioni sugli animali fuori dalla Comunità Europea per i prodotti cosmetici destinati ai mercati di Paesi extra UE che ancora li ritengono indispensabili ed inoltre alcuni ingredienti continuano ad essere testati su animali perché non destinati unicamente al settore beauty, ma anche a quello chimico e farmaceutico.

É quindi ancora molto importante che il Consumatore orienti i propri acquisti su cosmetici realizzati senza sperimentazione sugli animali, scegliendo solo aziende che aderiscono allo “Standard Internazionale Non Testato su animali”, l’unico riconosciuto a livello internazionale.

Già dal 1998, la Cibe laboratori ha aderito a questo disciplinare di autoregolamentazione, promosso in Italia da varie organizzazioni animaliste: scegliendo i nostri prodotti, il Consumatore ha quindi la garanzia e la tranquillità che il proprio denaro non contribuisce né ha mai contribuito alla sperimentazione animale. In più, grazie alla collaborazione in essere con LEAL (storica Associazione Antivivisezionista attiva in Italia dal 1978), la nostra azienda contribuisce a finanziare la ricerca SENZA ANIMALI. Per raggiungere questo obiettivo LEAL dal 1981 finanzia anche BORSE DI STUDIO per una ricerca che serva sì all’uomo, ma rispetti le altre forme di vita: la sperimentazione con il modello animale oltre ad essere crudele non è così predittiva e attendibile per l’uomo come si è affermato per tanti anni, basti pensare che il 95% dei test su animali non supera le prove cliniche sull’uomo e sapere che sono già disponibili moltissimi test alternativi tra modelli matematici, studi clinici e test in vitro.

Aderendo allo Standard la nostra azienda ha assunto l’impegno ad acquistare solo materie prime che non siano state testate su animali per fini cosmetici successivamente alla nostra data di adesione (1998). Anche se è vero che moltissime materie prime utilizzate in cosmesi sono state testate su animali al momento della prima messa in commercio – e molto spesso in data notevolmente anteriore allo Standard – adottando una politica cruelty free l’azienda di fatto spinge i produttori di materie prime a mettere a punto test alternativi e a non immettere sul mercato nuove molecole ad uso cosmetico che implichino l’esecuzione di nuovi test su animali, anche perché una sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che “può essere vietata l’immissione sul mercato dell’Unione di prodotti cosmetici, alcuni ingredienti dei quali sono stati oggetto di sperimentazioni animali al di fuori dell’Europa per consentire la commercializzazione di tali prodotti in paesi terzi (…)”.

Per garantire la sicurezza del Consumatore e il rispetto dello Standard la Cibe laboratori svolge preliminarmente un’accurata ricerca sugli ingredienti, con i dati di sicurezza disponibili, e una severa selezione dei fornitori, privilegiando coloro che dimostrano e dichiarano di condividere la politica cruelty free dell’azienda; i prodotti sono periodicamente sottoposti a test microbiologici di controllo, mentre i test dermatologici sono condotti in vivo su volontari umani oppure in vitro. L’attiva opera di sensibilizzazione svolta dalla Società relativamente a questi temi è continuamente in espansione anche grazie all’attività di produzione conto-terzi che ha permesso di esportare questa politica anche all’interno di altre realtà aziendali.

La produzione della nostra azienda si distingue da sempre per la Qualità Ecologica dei Cosmetici e dei Detergenti, formulati privilegiando l’utilizzo di materie prime e principi attivi di derivazione vegetale, nel massimo rispetto della sicurezza del consumatore, dell’efficacia del prodotto e della sua ottimale biodegradabilità. Per maggiore trasparenza desideriamo segnalare ai Clienti che seguono una dieta vegetariana e vegana che nei cosmetici di nostra produzione possono essere presenti ingredienti di origine animale, ma non cruenta.